La mia beauty routine

La mia beauty routine

Ciao a tutti, ragassuoli. Natale ormai è passato, sono ancora in ferie e (mi tocca di ammetterlo) mi sto pure un po’ annoiando. Per fortuna la tecnologia di cui dispongo a Ferrara mi consente di aggiornare il blog contro ogni mia più rosea aspettativa, quindi non intendo farmelo ripetere due volte ed oggi scelgo di parlarvi di una delle cose più frivole che potessero mai venirmi in mente: la mia beauty routine. Lo so, detta così fa tanto post da fashion-blogger marchettara, ma vi assicuro che non mi paga nessuno, tanto meno qualcuno mi ha mandato campioni od omaggi in prova (e figuriamoci… ma anzi, se volete che assaggi qualche novità del panorama eno-gastronomico in cambio di una recensione, ovviamente la mia email la trovate da queste parti!!). Quindi dovrete prendere questo post per quello che è: un modo come un altro per passarmi il tempo e per raccontarvi cosa una pluri-laureata in informatica decide di spalmarsi in faccia ogni mattina prima di trascinare le sue stanche membra in ufficio. Perchè sì, anche le informatiche sono secsi. E si truccano. Più o meno bene.

Piccola premessa: alle 07:00 di mattina credo che nessuno abbia voglia nemmeno di uscire da sotto le coperte, soprattutto d’inverno… quindi non aspettatevi chissà quale rituale di bellezza. La verità è che la mattina sono necessari incastri e rigide tempistiche da rispettare per garantire a tutti i componenti della famiglia di fruire liberamente degli spazi comuni (leggi: il bagno) e di portare a termine tutti i preparativi necessari prima di uscire di casa senza intralciarci a vicenda. Per questo motivo la mia postazione trucco, da quando ci siamo trasferiti nella nuova casa, altro non è che la scrivania del computer. Ebbene sì, ogni mattina metto a lato mouse e tastiera ed allestisco una toletta improvvisata (perchè anche questa volta la toletta che desideravo tanto sarà nella prossima casa). Già di mio sono una persona piuttosto ordinata, ma la circostanza ha richiesto più metodo ed ordine del previsto, pertanto la mattina tutta la postazione dev’essere già pronta e constare, quindi, di tovaglietta anti-sporco, specchio, trousse e bicchiere dei pennelli. Non serve altro.

Per prima cosa mi guardo allo specchio e sospiro. Poi acchiappo il barattolo della crema viso e preparo la mia base. La base dell base. Prima di stendere il fondotinta il passaggio fondamentale da non dimenticare mai è l’idratazione della pellaccia. Questo è un consiglio che tutte le professioniste non smettono mai di suggerire ed io ho imparato a farlo con l’esperienza: nonostante la mia sia una pelle fondamentalmente grassa non posso evitare di idratarla, soprattutto la mattina (io le cucuzze da spendere in lenzuola e federe di seta non ce le ho, insomma!!) ed a maggior ragione durante l’inverno quando il freddo tende a seccare anche le pelli più unte. La crema che mi piace utilizzare in questo periodo fa parte della linea Aloe di Bottega Verde: si tratta di una crema piuttosto ricca e dai benefici lenitivi, ottima per una pelle delicata e che richiede molta idratazione ed attenzione.

Crema viso

Crema viso Aloe – Nettare di Bellezza di Bottega Verde, 22.99€

Una volta stesa la crema idratante e lasciata asciugare, passo alla stesura del primer occhi. In realtà si tratta di un prodotto superfluo per la vita di tutti i giorni ma, se come me richiedete al vostro trucco una tenuta non inferiore alle 8 ore, sarà senz’altro un opzione da prendere in considerazione. Il mio primer occhi preferito è il Primer Potion di Urban Decay, costoso ma di ottima qualità.

primer

Eyeshadow Primer Potion (Original) di Urban Decay, 21.00€

Siccome non mi piace applicare gli ombretti subito dopo aver steso il primer, mentre aspetto che si asciughi passo all’applicazione del fondotinta. Sulla questione fondotinta non credo di aver ancora trovato la pace dei sensi: per tanti anni ho usato un fondotinta liquido che però tendeva a lucidarmi troppo (nonostante la cipria), poi sono passata ai fondotinta minerali anche se negli ultimi tempi non soddisfavano più le mie esigenze. Per questi ed altri motivi ho deciso di sperimentare e di provare il fondotinta di Deborah Formula Pura che, nonostante sia liquido, promette di opacizzare a lungo la pelle. Ha una texture molto fine ed è poco coprente, ottimo per chi non ha molte imperfezioni (quindi non per me!!), ma se utilizzato in combo con altri prodotti fa anche lui la sua sporca figura. L’applicazione avviene tramite apposito pennello ma, per eliminare le fastidiose strisciate delle setole, tampono delicatamente tutto il viso con una spugnetta inumidita.

fondotinta

Fondotinta Formula Pura di Deborah, 12.00€ circa

Adesso è il momento del correttore. Il sacro momento del correttore. Ne uso alcuni in combinazione per ottenere l’effetto desiderato. Anche in termini di correttore non posso dire di essere completamente soddisfatta: al momento copro il colore cadaverico delle mie occhiaie con il Dark Circle Tone Eraser di Kiko (acquistato per sbaglio perchè sono impedita che più impedita non si può) e, una volta asciutto, lo copro con un tocco di Instant Anti-Age di Maybelline (che però da solo non mi piace molto per la zona occhi, meglio per le schifezzine in giro per il viso). Tampono tutto con una spugnetta inumidita per uniformare correttore e fondotinta.

Dark Circle Tone Eraser di Kiko

Dark Circle Tone Eraser di Kiko, 8.90€

correttore

Instant Anti-Age di Maybelline, 8,90€ circa

A questo punto la base è quasi terminata… ma non bisogna spaventarsi perchè, difatti, il 90% del mio trucco quotidiano si concentra sulla base e meno sul resto del viso. Per fissare tutte le creme usate sin’ora (soprattutto il correttore) mi servo della Cipria Compatta di Bottega Verde. Ho provato anche le ciprie traslucide e trasparenti di altre marche ma non mi sono mai piaciute veramente: preferisco le ciprie colorate che, oltre ad opacizzare e fissare il make-up, aggiungono quel tocco in più e rendono più tridimensionale e meno finto tutto l’insieme.

cipria

Cipria Compatta Idratante con Acido Ialuronico e vitamina E di Bottega Verde, 15.99€

In ultimo un tocco di blush (o fard) per dare un leggero colorito alle guance. Il blush che utilizzo di più in generale è di Kiko, il Soft Touch Blush. Piuttosto polveroso e mooooolto scrivente, ne basta davvero pochissimo per dare subito un aspetto vitale e fresco al viso. Sia il blush che la cipria prima di lui vengono applicati con gli appositi pennelli (non credo molto nelle spugnette per questo tipo di prodotti).

Soft Touch Blush di Kiko

Soft Touch Blush di Kiko, 7.50€

Ora la base viso è terminata. Manca solo un tocco di colore sugli occhi ed una timida passata di mascara per completare il mio classico look da tutti i giorni. Solitamente punto sempre sulla solita combo di ombretti, scelti dalla mia fedelissima Neked 1 di Urban Decay. Questa palette offre tanti spunti sia che si tratti di un trucco occhi da giorno, sia che si tratti di un’occasione più mondana. In accoppiata con il primer della stessa casa cosmetica assicura una durata pazzesca a tutto il trucco che rimarrà fermo lì dove si trova per 8 ore e più, senza bisogno di ritocchi o di controllare se il colore si è spostato tutto nelle pieghette. Costicchia un po’ ma si tratta senz’altro di un investimento per la vita.

naked

Naked 1 di Urban Decay, 53.00€

In ultimo faccio una passata attenta di mascara, giusto per mettere in risalto lo sguardo. A questo punto dovrei essermi già svegliata abbastanza per non fare casini, in realtà sono più le volte che mi infilo lo scovolino degli occhi di quelle in cui riesco a non far danni. Ho recentemente finito il mio mascara preferito ed ho deciso così di fare un esperimento provando qualcosa di nuovo, così ho acquistato il Rimmel Scandaleyes Reloaded… beh, non sono molto soddisfatta, ma finchè non finirò il prodotto mi metterò l’anima in pace.

mascara

Scandaleyes Reloaded di Rimmel, 10.00€ circa

A questo punto il look è quasi sempre da considerarsi concluso. Se mi avanza un po’ di tempo prima di infilare il cappotto provo ad indossare anche un po’ di rossetto ma, andando in ufficio, preferisco colori nudi o comunque tenui che non diano troppo nell’occhio. Uno dei miei rossetti preferiti per il giorno è sempre di Rimmel ed è il Kate Moss 08, un fantastico color carne ottimo per un effetto My Lips But Better.

rossetto

Kate Moss 08 di Rimmel, 8.00€ circa

Ahahaha, mi sono divertita a scrivere un articolo in stile Clio Make Up, almeno una volta nella vita!! Se prima avevo un minimo di dignità, oggi sono sicura di averla definitivamente buttata alle ortiche passando per l’ennesima frivola di turno. Tuttavia mi è tornata in mente una piccola, breve storiella: qualche anno fa, quando ancora frequentavo l’università, una mia collega si lamentò fortemente delle ragazze che trovavano il tempo e la voglia di truccarsi prima di venire a lezione, perchè lei prendeva il treno tutte le mattine e trovava folle sottrarre tempo al sonno per dedicarlo a queste cose. Inutile dire che per un trucco completo da tutti i giorni io impiego dai 10 ai 15 minuti e che, giorno dopo giorno, si diventa sempre più brave e più veloci. E per far ciò non sottraggo nemmeno un minuto al mio sacrosanto riposo. Dal canto mio c’è voglia di apparire al meglio, questo è ovvio, ma anche voglia di dedicare alla mia persona 10 minuti di “coccole” e di relax prima di gettarmi a copro morto nel caos della metropoli e della vita lavorativa. Non tutti scelgono di dedicarsi questo tipo di attenzioni, altri preferiscono rimanere sotto le coperte qualche minuto in più o di ritagliarsi il tempo per una bella doccia, o per fare un’abbondante colazione. L’importante è trovare il modo giusto per incominciare serenamente la giornata, non importa cosa si sceglie di fare. Io provo di dedicare al trucco un po’ del mio tempo ogni giorno, perchè mi diverte e mi aiuta a sfogare la mia creatività ed ad esprimere il mood della giornata, ma non dev’essere uno step obbligato. E ci mancherebbe!!

E se tu che leggi questo post ti stai domandando “Cacchio, questa si spalma di tutto in faccia ma sembra sempre un Picasso appena uscito da un incidente in galleria, come può essere possibile??” allora batti 5 fratello, io faccio del mio meglio ma lo sai che in fin dei conti punto sempre sulla simpatia!!

  • Laura

    Questo articolo è fantastico!!!!!!!! Non è che se una si trucca allora è frivola..serve cervello nellavita,ma non solo!
    E la naked la amo❤

    • Ciao Laura!!!! Sono contentissima che il post ti sia piaciuto!!! Oggi avevo voglia di scrivere qualcosa con dei contenuti (seppur leggeri), non una semplice “pagina di diario”, e devo dire che mi sono davvero divertita! Magari non sarà l’ultimo post del genere… Vedremo!

  • Eugenio Guidetti

    Brava! Bell’articolo!
    Dobbiamo lasciare entrambi l’informatica: qui ci sono braccia rubate al Fashion!