Il mio shopping durante i SALDI Invernali 2017

I saldi invernali quest’anno si sono rivelati davvero deludenti. Non che abbia mai fatto il massimo dell’affidamento sulle offerte di fine stagione, anzi. Tuttavia capita sempre di trovare qualche articolo che, anche se non ne abbiamo davvero bisogno, ci incuriosisca in minima parte tanto da spingerci a provarlo e, perché no, anche ad acquistarlo. Quest’anno, invece, è stato davvero difficile trovare qualcosa da salvare. Dall’inizio dei saldi non ho mancato di visitare le mie solite mete dello shopping alla ricerca (vana) di qualcosa che mi colpisse e mi convincesse davvero, ma attorno a me vedevo solo tristezza a palate. A pensarci bene la moda invernale di quest’anno mi ha lasciato interdetta fin dal primo momento, quindi ragionevolmente avrei dovuto aspettarmi lo stesso piattume anche durante la stagione dei saldi. Nonostante tutto, però, qualcosina sono riuscita a scovarla ugualmente e ad accaparrarmela (ma ho dovuto pensarci su molto a lungo, quindi non possiamo certamente parlare di acquisti impulsivi di capi che mi abbiamo fatto battere così forte il cuore!). Fatta questa bruttissima ed imbarazzante premessa, oggi vorrei mostrarvi cosa ho scelto di acquistare e dove, iniziando magari ad introdurre un po’ della mia personalissima filosofia su cosa mi piace indossare e perchè. Insomma, diamo il via alle chiacchiere!

La mia unica missione per questi saldi invernali era quella di acquistare un paio di scarpe che fossero contemporaneamente casual, eleganti e comode… insomma, un paio di scarpe guardabili. Purtroppo a Milano non ho ancora trovato il mio punto di riferimento per quanto riguarda le scarpe, quindi non nego di aver guardato un po’ ovunque senza trovare nulla che mi soddisfacesse appieno. Poi una domenica mattina capito da BATA e scovo questi bellissimi stivaletti:

Stivaletti Color Cuoio BATA 39,99€ anzichè 49,99€

Beh, ecco… non so se si possono definire bellissimi, di certo sono molto semplici e non si allontanano molto dal tipo di scarpa che avevo in mente di trovare. Per l’inverno preferisco le scarpe sì alte ma chiuse, che proteggano dal freddo, che resistano bene al brutto tempo e che siano al contempo comode da calzare. Per scarpe belle ma scomode non c’è più posto nel mio armadio: per come il presenta il mio attuale stile di vita è facile macinare i chilometri ed avere i piedi doloranti poco dopo essere uscita di casa è una cosa che non posso (e non voglio) proprio permettermi. La qualità di queste scarpe è media, per il prezzo diciamo che si poteva fare di meglio (ma anche di peggio): l’interno dovrebbe essere in cuoio ma la parte esterna e la suola sono di vera, autentica plastica (il chè le rende per lo meno resistenti alla pioggia). Il modello è piuttosto semplice e banale ma ammetto che a conquistarmi è stata la nappina pendente dalla cerniera decorativa sul lato esterno. Le indosso quotidianamente da almeno 3 settimane e devo dire che è stato un acquisto abbastanza azzeccato, di cui non mi pento.

Il mio shopping per i saldi è praticamente quasi finito, vi avverto. Il secondo ed ultimo negozio in cui ho fatto danni è stato H&M, negozio che sinceramente mi regala emozioni solamente durante i saldi. Da H&M i saldi sono sempre piuttosto ricchi ed è difficile non trovare mai qualcosa di interessante. Da qualche tempo a questa parte è diventato il mio punto di riferimento per le camicette/bluse di nylon, per questo motivo ne ho acquistate ben due:

Camicetta H&M a stampa floreale, pagata 10.00€ circa
Camicetta H&M bianca e verde, pagata 8.00€ circa

In foto queste due camicette non sanno di niente. Se non le avessi provate su di me non le avrei mai acquistate, mai. Invece trovo che le bluse di H&M mi stiano quasi sempre bene e che facciano la loro figura su qualsiasi jeans e sotto una bella giacchetta, sia che si tratti di un look casual sia che si tratti invece di qualcosa di più business. Indossando questi modelli mi trovo sempre a mio agio, mentre con le camicette classiche ho sempre problemi in termini di chiusura sul seno, perchè purtroppo non chiudono o fanno quello sgradevole effetto di bottone che sta per scoppiare che trovo davvero imbarazzante ed indecente! Per lo meno la forma di questi indumenti non segna e nasconde agevolmente il mio fisico non proprio scultoreo. Cosa che non si può di certo dire per l’ultimo mio acquisto, sempre in casa H&M:

Abitino in maglia H&M pagato 20.00€ circa

Anche questo, sulla stampella, non vale un soldo bucato. Poi una volta indossato ci si rende conto che non solo il tessuto è di uno spessore inatteso, ma che, trattandosi di un vestito sì elastico ma contemporaneamente fasciante, dopotutto sta bene anche su un fisico generoso come il mio. Certo, un vestito come questo risulta comunque impietoso su qualsiasi imperfezione, ma ormai a certe cose non presto nemmeno più attenzione: se tutte le volte che indosso qualcosa di attillato dovessi passare al vaglio ogni mio rotolino, a questo punto non uscirei più di casa, quindi me ne sono fatta una ragione! L’unica cosa che davvero non mi convinceva era il colore, troppo simile a quello della mia pelle. Ma poi ho pensato che il bello fosse proprio questo effetto “seconda pelle” e “vedo non vedo”, quindi l’ho portato a casa senza ulteriori indugi.

A parte la camicetta bianca e verde che mi è stata generosamente ceduta assieme all’anti-taccheggio (e che quindi ho dovuto riportare in negozio la settimana seguente per farmelo gentilmente togliere, ndr), posso dire che questa sessione di shopping durante i saldi non mi ha regalato nessuna grande emozione. Ripongo quindi le mie speranze nelle collezioni primaverili e nella moda che verrà, perchè questo inverno è stato davvero una stagione da dimenticare. Sono ancora alla ricerca di jeans comodi che non mi si logorino in mezzo alle cosce dopo qualche mese e di vestitini invernali con le maniche lunghe (perchè io ho freddo, insomma!!) senza parlare dei maglioni di lana rigorosamente non misto acrilico al quale sono fortemente allergica. Ma mi sa che dovrò aspettare ancora, nella speranza di fare il colpaccio… la prossima volta!

Leggine un altro!

Agnese Farinelli Written by:

Volevo nascere figa, invece mi hanno fatto intelligente.