Pusheen the cat, i miei acquisti da Hey Chickadee

Pusheen the cat, i miei acquisti da Hey Chickadee

Un buon giorno ed un ben ritrovati a tutti quanti, ragassuoli! Oggi non sto nella pelle: ho finalmente ricevuto il mio regalo di Natale da parte di Eugenio, ovvero un favoloso ordine dal sito Hey Chickadee a tema Pusheen the cat!! Lui conosce molto bene le mie debolezze e sa quanto adori (letteralmente) il personaggio di Pusheen: per chi ancora non lo sconoscesse, si tratta di un gattone cicciottoso protagonista di divertenti vignette sul mondo felino, famose sul web, sui principali social networks e negli ultimi tempi anche in libreria. Troverete sue riproduzioni un po’ ovunque in rete, in primis tra gli adesivi per la chat di Facebook (anche se io preferisco di gran lunga gli stickers per Telegram), ma non potrete non aver mai visitato la sua pagina Facebook ufficiale od il website dedicato a Pusheen da dove tutto ha avito inizio.

Pusheen, una cortesia dal website ufficiale pusheen.com

Il brand di Pusheen spazia dal merchandise online a quello fisico con capsule collection prodotte e vendute su licenza da famose catene di abbigliamento, accessori ed articoli di arredamento per la casa: ricordo in passato che H&M aveva dedicato a Pusheen una collezione di abbigliamento comfy (della quale sono riuscita ad acquistare un paio di pantaloni da pijama S T U P E N D I) e spesso molti dei suoi gadget si possono trovare, venduti al dettaglio, da Claire’s , Primark o ASOS.

Purtroppo, con il passare degli anni, mi sono resa conto che reperire ed acquistare articoli e gadget a tema Pusheen non è cosa facile: la maggior parte degli store online e fisici che vendono gli articoli del brend sono stranieri, si trovano solamente all’estero oppure vendono gli articoli firmati Pusheen unicamente in determinati paesi (vedi Claire’s e la sua collezione di qualche anno fa riservata al mercato UK). Per questo motivo Eugenio, indeciso sul regalo con il quale sorprendermi a Natale, ha optato per una gift card  da spendere sul sito di “spaccio gadget” ufficiale di Pusheen, ovvero Hey Chickadee. Se come me siete dei fan sfegatati di Pusheen e volete farvi un bel regalo, andate a vedere quali meraviglie ha da offrire: il catalogo, oltre ad essere molto fornito, è in continua evoluzione e, di tanto in tanto, troverete anche qualche articolo in sconto (il chè li rende ancora più desiderabili). L’unica pecca è che il sito ha base operativa a Chicago quindi qualsiasi acquisto effettuato su Hey Chickadee partirà ufficialmente dal suolo americano. Più avanti vi racconterò la mia esperienza con la spedizione e la ricezione del pacchetto, ma ora concentriamoci su cosa ho deciso di acquistare.

I miei acquisti dal sito Hey Chichadee

Tra i vari gadget presenti sul sito, non ho potuto resistere a queste tre chicche: una tenerissima mascherina da notte con il musetto di Pusheen, una pochettina porta-oggetti da borsetta a forma di gattone ed una stupenda custodia da viaggio formato tablet con baffetti ed orecchie gattose.

Il porta tablet da viaggio di Pusheen

La mascherina da notte di Pusheen

Il porta-oggetti di Pusheen

Tutti questi oggetti sono fatti di materiale sintetico (fibre di polyestere), morbidissimo al tatto e lavabile a mano con un detergente delicato. Nonostante siano venduti negli USA, si tratta di merce prodotta in Cina per GUND, la più antica e rinomata azienda americana produttrice di giocattoli e peluche. La qualità è visibilmente buona, al tatto si sente che c’è stata cura nella scelta dei materiali e nella realizzazione di questi gadget, quindi ricevendoli e toccandoli finalmente con mano non potevo non rimanere estremamente soddisfatta dall’acquisto (e mi sono sentita molto ripagata dei tempi di attesa, ma di questo aspetto parleremo più nel dettaglio tra poco). Il porta tablet è rivestito all’interno di materiale vellutato (di colore rosa) che permette la pulizia dello schermo touch durante l’inserimento e l’estrazione, per tablet fino a 10” di dimensione (il mio attualmente è grande 7”, quindi è un po’ larga). Ha pareti leggermente rigide, il chè aiuta la cover a contenere il tablet ed a smorzare eventuali urti all’oggetto, il chè la rende non solo bellissima da guardare (perchè è a forma di Pusheen), ma anche molto funzionale. Anche il porta-oggetti è stupendo: ha un passante per il polso per non farselo sfuggire e l’apertura a zip, che corre sulla “schiena” del gattone, termina con la coda che è a tutti gli effetti la linguetta della cerniera!! Per aprire la pochettina si stacca letteralmente l’estremità della coda che sennò rimane assicurata al corpo da un bottoncino metallico a pressione. In ultimo, la mascherina da notte è dotata di un elastico foderato e regolabile e la morbidezza del materiale la rende davvero comodissima.

La cura nella confezione di tutti e tre questi articoli mi ha davvero sbalordita: le etichette e le fascette sono stupende (vi dico solo che la pochettina ha una bellissima etichetta olografica che, se mossa, raffigura Pusheen che muove la coda) tanto che non trovo il coraggio di buttarle: credo che ritaglierò le figure e le collezionerò, perchè sono davvero troppo belline!

I prezzi sono quelli che potete vedere anche voi sul sito. La pochettina porta-oggetti ed il porta-tablet li ho presi in sconto e, tutti e tre assieme, ho speso attorno ai 30,00$. Per le spedizioni in Italia, tuttavia, dovrete aggiungere almeno altri 25,00$ se sceglierete le più economiche. Per ulteriori info sui costi di spedizione ed i tempi di attesa vi invito dare un’occhiata all’apposita sezione sul sito di Hey Chickadee.

Spedizione internazionale, la mia esperienza

Ho ricevuto da Eugenio la mia gift card il giorno 01/01/2018 ma, per decidermi sul cosa acquistare, mi sono servite un paio di settimane, così il mio ordine è ufficialmente partito il 16/o1/2018. Il 18/01 l’ordine era già stato evaso da Hey Chickadee ed il pacchetto era stato ufficialmente preso in carico dalle poste statunitensi (USPS) le quali mi hanno inviato un numero di tracciamento, tramite Hey Chickadee, grazie al quale avrei potuto tenere sotto controllo l’evolversi della mia spedizione. Fin quando il pacco si è trovato su suolo americano non ci sono stati problemi: la spedizione avanzava veloce e nel giro di una settimana ha raggiunto l’aereoporto internazionale di Chicago. In un paio di giorni il pacco era già arrivato a Milano Malpensa, in attesa di essere affidato alle Poste Italiane.

Come sempre, qui sono incominciati i mal di pancia. Il tracciamento è rimasto inattivo per almeno un mese quando, improvvisamente, è stato aggiornato indicandomi che il pacco era stato sdoganato e che era pronto per essere consegnato: questo accadeva il 19/02/2018. Durante i giorni seguenti sono rimasta in attesa della consegna che però sembrava non arrivare mai, fino a quando, in data 23/02/2018, il tracciamento sul sito di USPS mi ha avvertito che la consegna era stata tentata ma che era stata rifiutata e che il pacco era stato di conseguenza ri-spedito al mittente. Sono sicura che potrete tranquillamente capire quanto fossi disperata (in senso figurato, ovviamente)!!! Avevo scelto appositamente di ricevere il pacco al mio domicilio, a Milano, così che se ci fossero state delle ulteriori spese doganali da affrontare avrei potuto ritirare il pacco direttamente dall’ufficio di smistamento di Poste Italiane più vicino a casa. Il tracciamento diceva che il pacco era stato consegnato e respinto in data 23/02/2018, ma a casa non avevo trovato il solito tagliandino di Poste Italiane che normalmente viene lasciato quando non è possibile recapitare un pacco. Mi sono armata quindi di tanta pazienza ed ho chiesto spiegazioni ad Hey Chickadee che mi ha suggerito di contattare Poste Italiane. Ho quindi telefonato al call center di Poste Italiane per due mattine di fila prima di riuscire a prendere la linea ad a parlare con un operatore il quale, con estrema gentilezza, mi ha chiesto il numero di tracciamento americano per capire dove fosse finito il mio pacco. E’ stato così che ho scoperto che il pacco in realtà non era stato re-inviato al mittente (che sollievo!) ma si trovava già in giacenza presso l’ufficio postale dietro casa. Quella sera stessa mi sono diretta all’ufficio postale per ritirare il mio pacchetto presentando il documento d’identità, nonostante l’impiegato fosse infastidito dal fatto che non avessi presentato il tagliandino di mancata consegna. Alle mie domande sul perchè il tagliando non mi fosse stato lasciato come atteso, non hanno saputo darmi spiegazioni. Solo una volta tornata a casa Eugenio mi disse che il tagliando di mancata consegna era arrivato con la posta della mattina. Correva la data 26/02/2018.

Alla fine il pacco sono riuscita a recuperarlo, ed a sorpresa non ci sono state spese aggiuntive per la dogana. L’imballo era essenziale: una classica busta imbottita e rinforzata. Quel pacco aveva fatto un viaggio infinito, ed aveva stazionato in dogana praticamente per un mese intero, ma alla fine è arrivato a destinazione (non senza però un po’ di iniziativa da parte mia).

In conclusione, posso dire che non mi pento di questi acquisti sfiziosi e che, nonostante i lunghi tempi di attesa ed i disguidi con i servizi postali, sono infinitamente grata e riconoscente ad Eugenio per aver pensato per me questo bellissimo regalo! In futuro spero di riuscire ad integrare la mia collezione di gadget di Pusheen acquistandone di persona in qualche negozietto, in loco. Per ora lascio che passi un po’ di tempo prima della prossima spedizione internazionale!

Per oggi è tutto, ragassuoli! Ditemi se anche voi, come me, siete super fan di Pusheen e avete mai acquistato qualche gadget o se vi è venuta voglia di acquistarne qualcuno! Auguro a tutti una buona giornata, in attesa di leggere assieme il prossimo post!

Disclaimer: gli acquisti sopra descritti sono stati effettuati a mie spese e non sono stata in alcun modo omaggiata o contatta da Hey Chickadee o da Pusheen Corp per parlare o recensire i loro prodotti. Il presente articolo è stato scritto di mia spontanea iniziativa e contiene le mie impressioni personali in seguito ad una mia personale esperienza di acquisto.